Contatti112 numero unico emergenzaChiama il numero verde del CUP 800098543 - numero unico prenitazioni telefoniche

 

Indicazioni per l’effettuazione dei test diagnostici per SARS-CoV-2 per l’accesso e il ricovero nelle strutture sanitarie, residenziali sanitarie e socio-sanitarie

MdS Circolare 16404 del 08.09.2023 Indicazioni per l’effettuazione dei test diagnostici per SARS-CoV-2

 

Modalità di accesso alle Strutture Sanitarie – Delibera Alisa n. 106 del 05.05.2023

A decorrere da sabato 13 maggio 2023 le visite ai pazienti ricoverati sono garantite ai visitatori di età superiore ai 14 anni, nelle fasce orarie previste:

  • Strutture Area Chirurgica 13.30-14.30 – 19.15-20.15
  • Strutture Area Medica 13.30-14.30 – 18.30-19.30
  • UO Ginecologia tutti i giorni dalle ore 14:00 alle ore 15:00 e dalle ore 18:00 alle ore 19:00. Festivi: dalle ore 14:00 alle ore 15:00 e dalle ore 17:00 alle ore 20:00
  • UO Ostetricia: tutti i giorni dalle ore 14:00 alle ore 15:00 e dalle ore 18:00 alle ore 19:00.
    Per i papà, o una persona indicata dalla neo mamma l’orario è invece consentito tutti i giorni dalle 14.00 in poi.  In base alla disponibilità dei posti letto, è possibile attivare il progetto NOI TRE INSIEME che consente al papà di pernottare in stanza. Tale accesso avverrà concordando modalità ed orari con il Direttore della S.C. Ostetricia e Ginecologia, che garantirà, come sempre, la massima presenza possibile.
  • Medicina Fisica e Riabilitazione, 13.00-14.00 – 19.15-20.15 – Domenica e festivi: dalle ore 11.00 alle 11.45 e dalle ore 15.00 alle 17.00
  • S.P.D.C. (Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura) 12.45-13.45 – 19.15-20.15
  • Anestesia e Rianimazione, 14.30-19.00
  • RSA dalle 11.00 alle 20.00
  • Area O.B.I. dalle ore 18.30 alle 19.30

Nel rispetto degli orari indicati, potranno accedere alle Strutture anche più visitatori al giorno, purché non in contemporanea. Per tutti rimane l’obbligo di indossare le mascherine FFP2 o chirurgiche. Si ricorda inoltre che è sempre garantito l’accesso nei casi di simil-assistenza continuativa, come previsto dalla Legge 104 e ai genitori/tutori di minori.

Poiché l’ospedale è un ambiente a rischio di infezioni per tutti, è vietato il libero ingresso ai bambini di età inferiore ai 14 anni; in casi particolari la richiesta per l’accesso dei bambini deve essere effettuata al Medico del reparto ed autorizzata dalla Direzione Sanitaria.
I degenti di età superiore ai 75 anni possono essere assistiti senza specifica autorizzazione o permesso, da una persona per volta.
La Direzione Sanitaria su segnalazione del Medico, potrà rilasciare l’autorizzazione per visite a degenti gravi o neo operati in orari diversi da quelli sopra specificati. Eventuali eccezioni saranno valutate caso per caso dai Responsabili delle Strutture, in accordo con la Direzione medica di presidio.

I Medici riceveranno i parenti secondo gli orari stabiliti in ogni singolo reparto ed esposti al pubblico: in nessun caso verranno fornite notizie telefoniche sulle condizioni dei degenti.

Per motivi igienici è sconsigliato introdurre nelle camere di degenza piante e/o fiori, sedersi sui letti o tavoli. I visitatori sono tenuti al rispetto degli ammalati e del luogo di cura, e sono invitati ad evitare rumori e comportamenti sconvenienti.

Persiste l’obbligo di indossare la mascherina FFP2 per lavoratori, utenti e visitatori nelle strutture sanitarie all’interno dei reparti che ospitano pazienti considerati fragili, anziani o immunodepressi e si raccomanda all’interno di tutti i reparti di strutture sanitarie e Pronto Soccorso.

Non sussiste specifica raccomandazione per l’utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie all’interno di sale mediche, studi medici, sale infermieristiche e dei cosiddetti “connettivi” (sale d’attesa, corridoi, sale ristoro, ecc.). La Direzione Sanitaria può intervenire in considerazione del quadro organizzativo e della valutazione del rischio.

L’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie è fortemente raccomandato in presenza di quadri clinici sospetti o certi di infezione delle alte o basse vie respiratorie.

Si raccomanda fortemente di evitare l’accesso alle strutture del sistema sanitario per tutti i visitatori che presentino sintomi respiratori.

L’obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie si estende anche ai lavoratori-utenti-visitatori delle strutture sociosanitarie e socioassistenziali, comprese le strutture di ospitalità e lungodegenza, le residenze sanitarie assistenziali, gli hospice, le strutture riabilitative, le strutture residenziali per anziani, anche non autosufficienti.

Ultima modifica:

torna all'inizio del contenuto